Back to the top

FELICI ma furlans

Uno sguardo irriverente
sulla friulanità contemporanea. 

 

Nella lingua friulana la parola felicità non esiste.
Questo significa che noi friulani non sappiamo essere felici?
RWF_PremioDelPubblico
RWF_OfficialSelection
BWF_BestEnsamble

INGREDIENTI

Satira di costume
Autoironia
Piccola impresa friulana
Poesia

Stagione 01

1 promo e 5 episodi che affrontano grandi temi della friulanità:
la sicurezza sul lavoro, la ricerca della felicità, il rapporto tra i friulani e il bevi…

s1e0-300x168

Promo

s1e1

IL POLEÂR – s.01 e.01

s1e2

CE ROBE ISE LA FELICITÀ? – s.01 e.02

s1e3

Nadâl a vore – s.01 e.03

s1e4

Voie di lâ vie – s.01 e.04

s1e5

Bevino une robe? – s.01 e.05

Dopo 10 anni Gianni torna in Friuli. Controvoglia.
La sua dev’essere una guerra lampo. Tre mesi. Tre mesi per rimettere in sesto il padre,  e poi…
E poi… chi lo sa!
Gianni al’è un studiât, è laureato in lettere. Ma per  necessità trova lavoro in una piccola azienda friulana. Una piccola azienda friulana a conduzione familiare.
La piês peste.
Gianni ha trent’anni e come molti trentenni è alla ricerca del suo posto nel mondo. Ma Gianni è diverso dagli altri…
È nato il 6 di maggio del 1976, un’ora prima che il terribile terremoto segnasse la storia della nostra terra. Un’ora prima… Gianni è la metafora di una felicità che dura un’istante per poi franare su se stessa… Qui ha luogo la nostra storia.
In una terra sospesa tra un passato ingombrante e un presente dove tutto è possibile. In un mondo sospeso tra la campagna e la città.
In una terra che non conosce la parola felicità.

soggetto e sceneggiatura: Alessandro Di Pauli, Tommaso Pecile
direttore di produzione: Lara Calligaro
direzione della fotografia: Piermaria Agostini, Armando Avallone
montaggio: Fabio Cresseri, Martina Zamolo
fonico di presa diretta:Riccardo Asquini (Saojo Studios)

con:
Gianni: Fabiano Dassi – Libero: Giorgio Merlino – Paron: Giancarlo Freschi – Stîv: Massimiliano Pividore – Nina: Sara Missarino – Operaio Toppazzini: Adriano Sabotto  – Operaio Badù: Daniel Samba – Operaio Baudelaire: Massimiliano Gosparini – Operaio Lerotik: Valdi Tessaro

con l’amichevole partecipazione di: Alessandro Brunello Zanitti, Aida Talliente, Daniele Copetti

musiche
Démodé, Arbe Garbe, Maurizio Pagnutti Jazz Quintet, Mocambo Swing

produttori esecutivi FMF: Alessandro Di Pauli, Tommaso Pecile
produttore esecutivo TWR: Paolo Parisotto

assistenti alla produzione: Ilaria Antoniali, Luana Peres
amministraizone FMF: Laura Concina
capo elettricista Davide Passera
attrezzista: Simone Scrosoppi
cameraman: Francesco Snidero

segretaria di edizione: Lara Calligaro
trucco e parrucco: Annapia Bernardis, Cristina Stolfo
aiuto truccatrice: Roberta Zucchiatti
fotografo di scena: Simone Flash Benedetti

consulenza linguistica: Rosalbe Della Pietra, Nicole Lizzi
catering: Miriam e Fabio Paschini Dorigo
colorist: Ernesto Zanotti
grafica FMF: Patricia Zampolini, Matteo Lizzi
missaggio audio: Alex Silvestri

prodotto da:
FMF PRODUCTIONS, THE WHITE RABBIT

regia:
Tomas Uolli Marcuzzi, Tommaso Pecile, Alessandro Di Pauli

Stagione 02

6 episodi che raccontano un’unica grande storia:
un intrico di potere, malaffare e peçots alla Daurman s.r.l.

s1e0-300x168

Promo

s1e1

IL POLEÂR – s.01 e.01

s1e2

CE ROBE ISE LA FELICITÀ? – s.01 e.02

s1e3

Nadâl a vore – s.01 e.03

s1e4

Voie di lâ vie – s.01 e.04

s1e5

Bevino une robe? – s.01 e.05

La Daurman s.r.l., è una piccola azienda friulana a conduzione familiare, popolata da un manipolo di esilaranti personaggi.
Un controllo a sorpresa in azienda mette a soqquadro il già precario equilibrio della ditta. Mentre il Paron della ditta cerca di mettere una pezza e di tenere in piedi la baracca, Gianni, il protagonista della serie, è alle prese con il suo eterno dubbio: restare in Friuli o partire, alla ricerca di una vita nuova? Nel frattempo Libero, il padre di Gianni, trama nell’ombra per raggiungere il suo unico obbiettivo: tenere il figlio accanto a se, per sempre.

Daurman srl

Daurman_logoOK

REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DI:

SPONSOR

GRAFFITI-PUBBLICITA
maltodoro

soggetto e sceneggiatura: Alessandro Di Pauli, Tommaso Pecile
direttore di produzione: Lara Calligaro
direzione della fotografia: Piermaria Agostini
stylist: Sara Bertolini
montaggio: Fabio Cresseri
audio: Riccardo Asquini (Saojo Studios)

con:
Gianni: Fabiano Dassi – Libero: Giorgio Merlino – Paron: Giancarlo Freschi – Stîv: Massimiliano Pividore – Nina: Sara Missarino – Operaio Toppazzini: Adriano Sabotto  – Operaio Badù: Daniel Samba – Operaio Baudelaire: Massimiliano Gosparini – Operaio Lerotik: Valdi Tessaro –  Arpia 1 – Gina Serravalle – Arpia 2 – Caterina Tomasulo – Arpia 3 – Bruna Nonino – Ispettore Nauli – Italico “Pauli Nauli” Paulitti – Assistente – Alessandro “Wad” Comello –

con l’amichevole partecipazione di: Alessandro Brunello Zanitti, Maurizio Pagnutti

musiche
Alex SAlex Silvestri

produttori esecutivi: Alessandro Di Pauli, Tommaso Pecile

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.

Acquista il DVD!

Dvd Tacons

15,00

Scopri l’esilarante serie TACONS, il demenziale corso di vero friulano con il mestri di vite Luciano Lunazzi e la guru dal peteç Caterina Tomasulo.

Il DVD include 18 irresistibili episodi, delle mini-lezioni tanto irriverenti quanto rivoluzionarie, che ti illumineranno sul Friuli, sulla sua lingua e sui suoi abitanti.


Category

Wishlist

Extra

Felici ma Furlans – Il contesto

Il Friuli: terra di vecchi e d’adolescenti… Poche terre come la nostra hanno convissuto così a lungo con il dolore. Nei secoli non si contano cataclismi, invasioni, tragedie, diaspore. I solchi di queste ferite si vedono nelle rughe e nei discorsi dei nostri vecchi. Ma riusciamo a vederli negli occhi dei nostri ragazzi?


Il conflitto generazionale ed il conflitto sociale si intrecciano e si sviluppano in mille diverse sfumature in un Friuli, scorcio di un’Italia frammentata, alla ricerca di un’identità che porti la pace tra passato e presente.
Anche qui si può essere felici, ma in fondo in fondo si rimane sempre un po’ Friulani.
Il conflitto generazionale

Una generazione, quella “del terremoto” che col sudore della propria fronte ha traghettato la piccola patria nel regno del benessere. La generazione successiva, quella degli eterni adolescenti svezzati dalla televisione, sembra non rendersi conto del privilegio che gli è dato e cerca altro. Che cosa? Ancora non lo sa.

Due modi di vedere la vita entrano in conflitto. Il mito della famiglia e quello della libertà convivono, si studiano, si invidiano. Quando si parlano non si capiscono. Una terza generazione, quella “della guerra” si sta pian piano facendo da parte, e osserva con perplessa nostalgia un mondo troppo diverso da quello che conosceva.

Il conflitto sociale

L’arrivo del benessere, per molti della ricchezza, ha ulteriormente scisso il nostro popolo. I nuovi ricchi cercano la felicità nel lusso, negli status symbol, nel materialismo ad ogni costo. Dall’altra parte chi nuovo ricco non è diventato, si sente custode di una via più sobria verso la felicità.

Ma lo fa per convinzione, oppure fa di necessità virtù? Anche in questo caso gli anziani, custodi della tradizione, stanno a guardare le accelerazioni della storia, forse disorientati, forse col cuore spezzato.

copyright felici ma furlans©2021