(function(i,s,o,g,r,a,m){i[\\\'GoogleAnalyticsObject\\\']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,\\\'script\\\',\\\'//www.google-analytics.com/analytics.js\\\',\\\'ga\\\'); ga(\\\'create\\\', \\\'UA-63758133-1\\\', \\\'auto\\\'); ga(\\\'send\\\', \\\'pageview\\\');

Idea

Felice e content


Perchè nella lingua friulana la parola “felice” non esiste?
Perché per esprimere questo concetto vengono utilizzate parole come
beât o content, che indicano una soddisfazione temporanea, precaria?
È solo un caso, una bizzarra coincidenza linguistica,
oppure è indizio di una peculiarità più profonda del popolo friulano?

Una serie sulla Friulanità oggi


È da questa idea guida che è nato il progetto “Felici ma furlans”:
una serie televisiva che vuole rappresentare attraverso la comicità e la satira di costume il Friulano di oggi ed il suo quotidiano cammino verso la felicità.
Vogliamo che il Friuli si racconti a se stesso e, perché no, al forest attraverso una tecnica narrativa ancora non sperimentata in questo contesto.
Partendo dall’immagine comica del Friulano stereotipato, la serie vuole scavare, raccontare, descrivere la nostra gente, mostrando che cosa c’è oltre le apparenze. Non siamo più una terra di burberi e rubicondi contadini, ma una terra di confine dove culture, industrie e uomini combattono ogni giorno la sfida del mondo globale, sempre e comunque “in a Furlan way” (alla Friulana).